La Reggina completa il suo miracolo battendo il Milan

Posted on maggio 26, 2007

0


 Da: www.realsoccer.it

di Annalisa Costanzo 

REGGINA – MILAN 2-0

 

REGGINA: Campagnolo, Lanzardo, Di Dio, Aronica, Mesto, Gazzi, Tedesco, Modesto, Figiani, Amoruso, Bianchi. In panchina: Puggioni, Cardini, Esteves, Missiroli, Amerini, Barilla’, Nielsen. All. Mazzarri

MILAN: Kalac, Simic, Bonera, Kaladze, Favalli, Cafù, Brocchi, Pirlo, Serginho, Borriello, Ronaldo. In panchina: Storaci, Oddo, Nesta, Gattuso, Grimi, Indaghi, Giraldino. All. Ancelotti

ARBITRO: Gianluca Rocchi di Firenze (Assistenti: Griselli, Calcagno e Stefanini).

MARCATORI: 8′ pt. Amoruso; 22′ st. Amerini

NOTE: Spettatori paganti: 11.535 spettatori presenti allo stadio 23.423. Ammoniti: Di Dio (R ), Gattuso (M).

REGGIO CALABRIA – Salvezza doveva esser e salvezza è stata. Nella bolgia amaranto, che accoglie con fragorosi applausi i campioni d’Europa, i ragazzi di mister Mazzarri hanno battuto l’opaco e stanco Milan, con un gol per tempo. Senza Foggia e Lucarelli, la Reggina si presenta in campo con Vigiani e Modesto a sostegno di Bianchi. Ancellotti opta invece per l’inserimento di Pirlo dietro Borriello e Ronaldo.

La cronaca: Se pur la partita viene condizionata dal vento, la Reggina parte bene. Al cinto minuto si segnala la prima azione in avanti dei padroni di casa. Amoruso trova Bianchi in area, il numero nove però controlla male e Kalac senza troppi problemi para. Il gol è nell’area ed arriva grazie al solito “Nick”. Si è all’8’ Amoruso in area controlla bene il pallone tra due difensori del Milan, da tre tocchi al pallone prima di lanciarlo in rete, Kalac non può niente. Amoruso gonfia la rete ed il Granillo esplode. La riconferma della serie A, ora per i 23 mila presenti al Granillo sembra ancor di più una certezza. al 12’ è Ronaldo che ci prova dai trenta metri ma Lanzaro ferma il tiro del brasiliano. Poi è Amoruso show. L’attaccante amaranto, ci prova da ogni angolazione, prima da fuori area ma il pallone va troppo in alto e poi ancora al 15’ è ancora con un tiro di destro chiama in causa Kalac, ma niente da fare il pallone va altro la linea di fondo. La Reggina attacca, ma il Milan non sta a guardare e quando decide di partire in avanti, impensierisce non poco i padroni di casa, sfiorando anche il pareggio: al 17’ con Borriello ma il suo tiro viene intercettato quasi sulla linea di porta da Mesto, e ancora Milan al 19’, questa volta con Pirlo che serve per Cafu, ma il brasiliano d’avanti a al portiere amaranto colpisce male di testa. Si va negli spogliatoi.

Il secondo tempo, vede nuovamente le due squadre impegnate a centrocampo. La Reggina preferisce non rischiare. Il Milan si concede qualche contropiede ma non risulta mai del tutto pericoloso. Sugli spalti si inizia a consumare la festa. I ritmi della gara diventano blandi. Al 18’ iniziano i cambi. Ancellotti manda Oddo al posto dello stanco Simic. Anche nella Reggina si cambia, fuori Amoruso al suo posto Amerini. Ancora una volta Mazzarri indovina il cambio. Neppure il tempo di ambientarsi in campo, che con un tocco forte e deciso di collo esterno Amerini batte l’estremo difensore rossonero. E’ apoteosi al Granillo. E’ il 2-0 per gli amaranto. A settembre erano in pochi a crederci, ma l’impresa delle Reggina si realizza. Reggina- Milan si conclude dunque con il risultato di 2-0 che certifica l’ottavo anno in serie A per la squadra dello stretto.

Annunci