Mazzarri ringrazia e saluta i tifosi reggini

Posted on maggio 26, 2007

0


Da:  www.realsoccer.it

di Annalisa Costanzo 

E’ stato alla guida di una squadra partita con una forte penalizzazione. Pochi ci credevano nel miracolo amaranto ma, molti domenica si sono dovuti ricredere. La Reggina è rimasta nella massima serie, ed adesso, quello che è stato il capitano della scialuppa amaranto è divenuto l’uomo del momento. L’uomo più cercato del mercato amaranto. Walter Mazzarri.

Domenica a fine gara aveva detto: “Due tre giorni, parlo un attimo con il prersidente e saprete tutti, tutto”.

Due giorni sono passati e le voci sul suo immediato futuro si fanno di ora in ora sempre più insistenti. Molte le squadre che lo vorrebbero sulla propria panchina, tra queste ci sono Juve, Palermo, Catania, Samdoria. Per il tecnico toscano sembra però prospettarsi un futuro a Genova alla giuda proprio della Sampdoria. I tifosi amaranto hanno sperato fino all’ultimo in una sua nuova stagione in riva allo stretto, ma questo sembra che rimarrà solo un sogno chiuso nel cassetto, anche se, l’incontro tra Foti e Mazzarri dovrebbe esser questione d’ore, ed in ballo c’è anche una promessa tra i due: “Mazzarri lascerà la Reggina solo per un gran club”. 

Ritornando a domenica, nel dopo gara, il tecnico amaranto, in conferenza stampa, si è prima tolto un sassolino dalla scarpa nei confronti di un giornalista radiofonico che in questi ultimi mesi lo ha sempre criticato –chi sa perché – per poi trattare un argomento a lui caro: i tifosi della Reggina. Domenica i 24 mila presenti al Granillo hanno costantemente cantato “Walter Mazzarri resta con noi”.

L’allenatore a fine partita in conferenza stampa ha voluto ringraziare proprio i tifosi: “Quando sono in campo, non sento molto, -dice Mazzarri- sono concentrato, poi ho avuto un momento di vera commozione, quando mi so reso conto che Amerini aveva fatto gol e sul due a zero ho realizzato che, eravamo salvi. Da lì in poi ho ascoltato i nostri tifosi che sono stati grandi”. “Vedete – ha continuato il mister visibilmente commosso- voglio portare un esempio. Oggi in tanti posti, chiunque avrebbero osannato tutti ed anche l’allenatore, però a me questo pubblico ha dato sempre tanto, dimostrandomi affetto ma anche un gran sintomo di civiltà e passione. Ad Empoli sul tre a zero, quando perdevamo, mi sono girato verso la tribuna dove c’erano i toscani ed ho detto, “sentite –indicando il settore dei tifosi della Reggina- questo è sintomo di civiltà”. “Sul tre a zero – dice ancora Mazzarri – i tifosi amaranti incitavano i giocatori e facevano i cori al sottoscritto. Ecco, quando si perde tre a zero e ti vedi cadere un sogno, perchè in quel momento anche io stesso pensavo che mi sarebbe svanito il sogno. Se avessimo perso sarebbe finito tutto ad Empoli. Quelle persone, questi tifosi invece sono venuti fino in Toscana e ci credevano, ci hanno incoraggiato, e non hanno cambiato atteggiamento neppure sul 3-0. Questo per me ha ancora più valore di quello che è successo oggi, e quindi li ringrazio, ma è ovvio, sono stato in una città con tifosi incredibili. Li ringrazio”.

Il suo futuro sarà questione di ore, ma certo è, che il cittadino onorario di Reggio Calabria, Walter Mazzarri, resterà per molto tempo nella mente e nel cuore dei tifosi.

Annunci