San Luca si sveglia abbracciando Michele Placido

Posted on dicembre 19, 2007

0


…Seguono qua tre articoli, molto simili tra loro, due usciti su Calabria Ora ed uno su Strill.it. A breve  spero di poter mettere online, grazie all’aiuto di qualche collega, uno speciale: “San Luca per un giorno -e chi sa quanti altri- ombelico culturale del mondo”.

 ____________________

1)       SAN LUCA- Non è solo cronaca nera San Luca e ieri ne ha dato dimostrazione. << Una giornata indimenticabile -dice con gli occhi lucidi uno bambino delle scuole medie- oggi ci siamo divertiti tanto, finalmente >>. Già, quella di ieri è stata una giornata memorabile per i tanti sanluchesi, piccoli e grandi accorsi ad abbracciare l’attore e registra Michele Placito e ritornare cosi a far vivere il proprio paese. Alle ore 12.45 il famoso attore pugliese è arrivato nell’auditorim della scuola media, dove ad attenderlo c’erano i bambini delle scuole sanluchesi con i loro insegnati e molti genitori.<< Davanti allo spettacolo di questi ragazzi ci si commuove – ha dichiarato Palcito – adesso mettiamo su questo progetto e poi penseremo ad organizzare uno spettacolo e porteremo i ragazzi di San Luca a Roma >>. Placito è a San luca per dare il via al suo progetto: “Progetto Aletheia” per la rinascita di San Luca, che ha come finalità quella di creare attività culturale nel paese, con l’obbiettivo di trasmettere ai ragazzi che vi parteciperanno i fondamentali di quelle tecniche necessarie a far funzionale la macchina teatrale.
Dicevamo una giornata importante soprattutto per i bambini, che prima si sono esibiti davanti a Placito, con canti natalizzi, recitazione, danza ed infine, nel pomeriggio con la rappresentazione teatrale del presepe vivente. Tanti sono stati i brividi provati nel vedere gli occhi pieni di speranza di quei giovani che da oggi possono iniziare a realizzare i loro piccoli sogni. I brividi non potevano che correre lungo la schiena alla lettura di due pensierini recitare dalle ragazze della scuola media: << Caro babbo natale, – leggeva un’emozionata ragazzina- quest’anno voglio chiederti una cosa facile e poco ingombrante, un po’ di pace. Tutti parlano di pace, ed io non l’ho mai vista, per favore portane un po’ >> ed ancora, un’altra con voce ferma e gli occhi pieni di interrogativi si chiedeva: << Prometto l’anno venturo di esser più buona, ma perché devono prometterlo solo i bambini?e i grandi? >>. La rinascita di San Luca parte dai più piccoli e loro, i giovani sanluchesi stanno rispondendo con tanto entusiasmo al richiamo della cultura, della legalità. I loro sogni oggi possono iniziare e divenire realtà, grazie al progetto di Placito ed degli altri quarantaquattro progetti messi a disposizione dei sanluchesi, ma anche per l’impegno del Sindaco Mammoliti e tutta la sua amministrazione che tanto si stanno impegnando per la vera rinascita culturale e sociale del paese. Adesso tocca agli adulti di San Luca cavalcare l’onda della rinascita, e loro, se veramente vogliono ce la possono fare perchè oggi le risorse a San Luca finalmente sembra stiano arrivando.

ANNALISA COSTANZO

______________

2) SAN LUCA-Non è solo cronaca nera San Luca e ieri ne ha dato dimostrazione, strasformando un freddo giorno di cronaca nera, in una giornata memorabile per i tanti sanluchesi, piccoli e grandi accorsi ad abbracciare l’attore e registra Michele Placido. Alle ore 12.45 il famoso attore pugliese è arrivato nell’auditorim della scuola media, dove ad attenderlo c’erano i bambini delle scuole sanluchesi con i loro insegnati e molti genitori. << Davanti allo spettacolo di questi ragazzi ci si commuove – ha esordito Palcido – adesso mettiamo su questo progetto e poi penseremo ad organizzare uno spettacolo e porteremo i ragazzi di San Luca a Roma >>.
<< Quando ho letto questa estate i fatti accaduti – ha confidato l’attore alla gente di San Luca- e vedendo alcune immagini del paese ho avuto istintivamente il bisogno di comunicare con la vostra comunità. Le facce di quei giovani che apparivano di sfuggita in tv erano tristi, li ho sentiti immediatamente miei simili, mi sono sentito come uno di loro. Adesso qua sta nascendo un piccolo teatro per dare una qualità al paese, una qualità –si rivolge ai ragazzini- attraverso voi, perché voi siete una speranza, una parte buona di San Luca >>. Placido è a San luca per dare il via al suo progetto: “Progetto Aletheia” per la rinascita di San Luca, che ha come finalità quella di creare attività culturale nel paese, con l’obbiettivo di trasmettere ai ragazzi che vi parteciperanno i fondamentali di quelle tecniche necessarie a far funzionale la macchina teatrale.
Il progetto ideato dall’attore è stato dunque inserito dall’amministrazione comunale del sindaco Giuseppe Mammoliti, tra i quarantacinque progetti di ogni segmento della vita sociale, economica e culturale del “Progetto San Luca”, creato dal Comitato per la legalità e lo sviluppo sociale-culturale-economido di San Luca ed approvato, sabato scorso dall’amministrazione comunale alla presenza tra l’altro di sua eccellenza il prefetto di Reggio Calabria dott. Francesco Musolino e del suo vice prefetto dott. Giuseppe Priolo.
La giornata di ieri ha visto lo svolgimento quindi di spettacoli di danza, musica, teatro con protagonisti i bambini sanluchesi. Toccante è stato il messaggio letto da ragazzina: << Caro babbo natale, – leggeva l’emozionata ragazzina- quest’anno voglio chiederti una cosa facile facile e poco ingombrante, un po’ di pace. Tutti parlano di pace, ed io non l’ho mai vista, per favore portane un po’ >>. La rinascita di San Luca parte dai più piccoli e loro, i giovani sanluchesi stanno rispondendo con entusiasmo al richiamo della cultura, della legalità. E’ stata una giornata importante quella di ieri per San Luca, peccato che, le telecamere nazionali siano rimasti in paese solo per riprendere i fatti di cronaca nera, e non si sono fermati per immortalare anche gli occhi di quei ragazzini mentre si esibivano davanti a quello che da oggi diventerà il loro maestro, Michele Placido.

ANNALISA COSTANZO

Annunci