San Luca: bimbi-attori come in una favola grazie al progetto di Michele Placido

Posted on giugno 1, 2008

0


 

 

  

   sanlucaveduta                        di Annalisa Costanzo 

Come in una favola: dai giorni da dimenticare ai giorni da incorniciare. Dai mesi bui da dimenticare per bambini di San Luca, ai mesi della ritrovata luce che mai invece vorranno dimenticare.
Si è conclusa la seconda fare del progetto “Aletheia” ideato dall’attore-registra Michele Placido e, per l’occasione, divisi in tre gruppi i ragazzini sanluchesi, hanno portato in scena ciò che in questi mesi hanno imparato.
Il teatro comunale di San Luca era gremito. I bambini hanno dimostrato di calcare il palcoscenico senza tradire l’emozione.

I loro “maestri” hanno svolto un ottimo lavoro, preparando questi “attori in erba” in maniera eccellente. Lo spettacolo è stato bello ed emozionante, allegro e riflessivo. <<Non si vede bene se non si vede con il cuore>> recitava una bambina.

Si sono divertiti i bambini protagonisti della scena, si sono divertiti le mamme ed il pubblico tutto.Ingrandisci l'Articolo pubblicato su Calabria Ora
Basta poco per donare la felicità, quella vera e sincera di un sorriso che si stampa sul viso di un bambino ed i professionisti dello staff del progetto Aletheia, con i ragazzini del paese di Corrado Alvaro ci sono riusciti.

Andrea Ricciardi, Marica Guingui, Mirco De Luca, Vincenzo Sorbera, Nicola Moruzzi, Cristiano Gerbino, Alessio Cappellace, i professionisti che hanno curato il progetto “Atheleia”, in pochi mesi, hanno insegnato ai piccoli di San luca a recitare, ma ancor di più a stare insieme, maschietti e femminucce senza differenza.

Hanno insegnato, a non aver paura del palco ed parlare davanti al pubblico. Hanno insegnato l’arte della scenografia e dell’illuministica, ma anche del montaggio cinematografico, ma, ancor di più questi professionisti hanno insegnato ai ragazzi di San Luca che sognare si deve, e che i sogni, spesso posson diventare realtà, se lo si vuole realmente.  Ingrandisci l'articolo pubblicato su Strill.it

I novantotto ragazzini hanno recitato davanti ad un folto pubblico, non solo coetanei e genitori, ma anche al sindaco Sebastiano Giorgi ed all’amministrazione comunale, ai rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri, al vice prefetto Priolo ed al Prefetto di Reggio Calabria, dott. Musolino, colui che, mesi or sono, insieme alla vecchia amministrazione di Giuseppe Mammoliti diede inizio ad una serie di progetti, regalando cosi un sogno ai bambini.
<<Bambini, siete stati tutti bravi – ha detto il Prefetto ai protagonisti della scena e rivolgendosi ai loro maestri ha continuato dicendo – è bello vedere come questi ragazzini vi seguono.

E’ una grande opportunità per questi piccoli – rivolgendosi poi al sindaco ha cosi concluso- questi professionisti invece meriterebbero la cittadinanza onoraria>>, idea subito accolta da tutti. <Non li ringrazieremo mai abbastanza>>dice invece il primo cittadino Giorgi.

E già; occorre, dare a questi professionisti giunti da Roma i dovuti meriti.

Avrebbero potuto mettersi in mostra in ogni momento e rubare la scena ai piccoli sanluchesi, ma non l’hanno mai fatto, sono rimasti sempre dietro le quinte, con un’umiltà ed una sincerità che ha conquistato tutti nel paese aspromontano. Venerdì era anche il giorno prima della partenza di questi “forestieri”.

Non sono mancate le lacrime di Marica che ormai ai bambini sanluchesi è affezionata.

Non è mancata la commozione dei bambini nel salutare i loro “forestieri” preferiti. <<Non andate via>> ha detto un ragazzino aggrappandosi al braccio di Andrea. <<Li portare via con me>> ha invece detto Cristiano prendendo in braccio un piccolo attore.

Ma, i “forestieri” ritorneranno tutti a settembre, quando i corsi riapriranno per preparare i piccoli attori alla realizzazione del gran sogno: esibirsi ad ottobre al Teatro Tor Bella Monaca di Roma, davanti al gran pubblico.

 

 

Annunci