Bovalino: Ombre sul consultivo 2007 Ci sono delle anomalie

Posted on luglio 27, 2008

0


BOVALINO- Sono stati approvati in poco meno di un’ora tutti gli undici punti all’ordine del giorno del consiglio comunale di Bovalino, svoltesi venerdì sera presso l’aula consiliare del Municipio. Il consiglio è iniziato con una proposta dell’ex presidente del consiglio comunale, ora consigliere di minoranza Mallamo, che chiedeva un’inversione dei punti, discutere cioè prima l’ultimo punto, il più atteso e poi gli altri. A tale proposta il sindaco ha subito risposto con un secco no e la sua maggioranza compatta per alzata di mano ha respinto la proposta del consigliere.  E’ stato comunque un consiglio dai toni calmi, al quale ormai non si era più abituati, ma probabilmente i consiglieri tutti e sia di maggioranza e sia di minoranza attendevano di arrivare proprio all’ultimo punto: la comunicazione del Sindaco.  Iniziati i lavori, l’assise ha approvato all’unanimità solo  il secondo punto, quello relativo all’approvazione del bando per il finanziamento di “Progetti integrati per la riqualificazione, recupero e valorizzazione dei Centro Storici della Calabria”. I restanti punti sono “passati” con i soli dieci voti della maggioranza. I cinque consiglieri di minoranza presenti si sono astenuti in tutti i punti, tranne nel terzo riguardante all’approvazione del conto consuntivo Azienda Speciale “Bovalino Multiservices” esercizio finanziario 2007, dove l’opposizione ha invece espresso compatta parere contrario. Tra i punti all’ordine del giorno, mancava “l’Esame ed approvazione rendiconto di gestione esercizio finanziario 2007”, ed infatti proprio l’assenza di tale punto ha riguardato la comunicazione del sindaco, il quale ha annunciato che: <<Sono state riscontrate delle anomalie nell’esercizio finanziario 2007>>. Lo stesso Zappavigna ha annunciato che per tale anomalie sono stati interessati sia la Procura della Repubblica di Locri e sia la Prefettura di Reggio Calabria. <<Nel momento in cui il Direttore Generale ha visionato il documento contabile, si è accordo di qualche incongruenza, lo stesso – ha spiegato il primo cittadino- con regolare lettera scritta indirizzata alla ragioneria generale ed ai revisori dei conti chiedeva di verificare il documento. La risposta giunta dagli uffici della ragioneria generale ha messo in luce gli stessi dubbi. Da ciò – ha concluso Zappavigna- abbiamo bloccato l’approvazione del bilancio e nel contempo abbiamo informato le autorità preposte. Un fatto di notevole gravità, che se dovesse risultare realmente vero, potrebbe avere degli strascichi penali>>.

ANNALISA COSTANZO

Annunci