Bovalino:Inizia ad abbattere le barriere architettoniche

Posted on febbraio 6, 2009

0


Avevo già trattato l’argomento, raccogliendo la denuncia di un cittatino, clicca qua per leggere.
Finalmente la promessa è stata mantenuta. 

 

BOVALINO- Un lungomare per tutti. Finalmente si può iniziare a dire cosi anche per la via marina di Bovalino. L’amministrazione comunale sta, infatti, pian piano iniziando ad abbattere le gravi barriere architettoniche

bovalino-lungomare

Bovalino: La base del lampione che ostruisce il passaggio a passeggini e sedie a rotele

presenti sul lungomare che per un portatore  di handicap su sedie a rotelle o genitori alle prese con i passeggini, trasformavano una semplice e rilassante passeggiata, in un disagiato “salto all’ostacolo.” Il tratto del lungomare da anni incriminato è quello all’altezza del lido “La Rocchetta”, al centro della via marina. Proprio in quel tratto dove, il marciapiede si stringe, il progettista della bella via marina o il Direttore dei Lavori, ha ben pensato di sistemare un lampione la cui base del palo occupa quasi interamente la larghezza del marciapiede, permettendo per “miracolo” il passaggio ad un pedone per volta e solo se di media corporatura.  Più volte ci siamo occupati di questo problema anche con la testimonianza di Enzo un turista costretto sulla sedia a rotella, la quale ci aveva confessato che in quel tratto i suoi amici lo dovevano aiutare a scendere e poi a risalire il gradino del marciapiede. Qualche mese fa, Serranò, assessore ai lavori pubblici, aveva promesso: <<Faremo qualcosa. La base del lampione non si può eliminare – spiegava Serranò- in quanto si rovinerebbe l’estetica dalla continuità dell’illuminazione, però studieremo qualcosa affinché si abbatta quest’inaccettabile barriera architettonica>>. E qualcosa finalmente, è stato fatto. Nel tratto incriminato, l’amministrazione ha aggirato l’ostacolo realizzando, proprio al centro della base del palo dell’illuminazione un dorso stradale ad altezza del marciapiede, che fa anche da attraversamento pedonale. Resta però ancora una barriera architettonica da abbattere sul lungomare: Il gradino nella rotonda di San Francesco, la dove c’è una balconata con le panchine, ma dove purtroppo manca lo scivolo per permettere ai portatori di handicap su sedie a rotelle di ammirare il mare senza dover per forza essere aiutati a scendere quel gradino.

Annalisa Costanzo

Annunci