BOVALINO, CONTRO LA MICRO E MACRA CRIMINALITA’

Posted on marzo 14, 2009

0


BOVALINO- Il Comune si mobilita contro la micro e macro criminalità. Svoltesi ieri pomeriggio, alla presenza di pochi cittadini, ma di alcuni esponenti dei vari circoli presenti sul territorio, il consiglio comunale di straordinaria urgenza, ha dibattuto il tema della sicurezza e dell’ordine pubblico in Città. Prima di introdurre i lavori, il sindaco Zappavigna, ha elencato gli ultimi episodi di violenza che hanno investito, il vicesindaco, altri imprenditori e comuni cittadini. «Esprimiamo – ha detto il sindaco- solidarietà a tutti coloro che hanno subito questi atti, con l’augurio che queste cose non succedano più perché sono atti che fanno male a tutti». «Informo – ha avvisato Zappavigna- in una riunione del comitato della Sicurezza che c’è stata sere fa, ho espresso la necessità di questa comunità di avere una garanzia totale e completa del territorio, il che venga quanto meno potenziato il commissariato di Polizia e la Caserma dei Carabinieri, mi è stato assicurato sia da parte del Prefetto che del Questore che si farà il possibile per il controllo ddl territorio». Il dibattito che si è successivamente sviluppato ha registrato vari interventi. Ientile dell’opposizione ha chiesto: «Un salto di qualità per dare un’identità a questo nostro paese dove manca il senso di comunità» ha inoltre parlato di integrità proponendo «Di studiare iniziative con cui si possa mettere al centro il paese, ma se alle belle parole non seguono i fatti non si può risolvere niente». Il consigliere Mittica ha espresso in nome di tutta la minoranza solidarietà hai cittadini colpiti dall’ondata di criminalità «Avremmo preferito che il sindaco avesse pregato il Prefetto di convocare il Comitato per la Sicurezza Provinciale a Bovalino, avremo anche potuto fare un consiglio pubblico per invitare la cittadinanza ha partecipare non tanto alla manifestazione di solidarietà che serve, ma per vedere che altro tipo di iniziativa assumere per cercare di dare un contributo affinché questi atti non succedano più». «Questi sono fenomeni – ha detto l’assessore Serrano- che certamente penalizzano una comunità intera e che ostacolano e limitano lo sviluppo. Propongo di riprendere il documento sottoscritto in un consiglio comunale del 2007 ed sollecitare ulteriormente chi di competenza per dare man forte alle forze dell’ordine, ma non soltanto per il potenziando in termini di uomini ma anche di investigazione, in quanto soltanto attraverso quella si può intervenire». L’assise, ha dunque approvato all’unanimità un documento comune dove si chiede al Prefetto di Reggio Calabria, il potenziamento delle forze dell’ordine presenti sul territorio ed un sistema di video sorveglianza a Bovalino punti di maggiore criticità. Presente all’assise anche, onorevole Franco Crinò il quale ci ha dichiarato: «Quando in atti criminali c’è un amministratore in mezzo bisogna mettere una doppia attenzione. Mi chiedo, che lettura bisogna dare a questi che si ripetono, se sono atti di intimidazione che hanno una natura che riguarda solo gli individui che li subbiscono e che comunque sono sempre gravi, oppure è in atto di nuovo una fase di violenza che riguarda tutta la comunità, ed in questo caso è ancora più grave».

ANNALISA COSTANZO

Annunci
Posted in: Archivi