Africo, “La via dei condannati a morte”

Pubblicato su L’Ora della CALABRIA il 20 novembre 2013
AFRICO (RC)- «La terra dei fuochi, dei rifiuti tossici seppelliti sotto le case, non è solo in Campania. Anche Africo e nella bassa Locride è così. Qua, anche il feto che le nostre donne portano in grembo ha già il “male”», lo dice un uomo sulla sessantina mentre, fermo sul marciapiede, legge l’ultimo necrologico. Vicino a lui, c’è la casa della signora Francesca, 83 anni, un’intervento per il “male” nell’intestino e uno adesso nello stomaco. Il «male» da queste parti è chiamato il tumore, una parola che solo a sillabare fa strozzare in gola le parole della gente del posto. La signora Francesca è una donna minuta e, il nero con cui è vestita avvolge anche il suo animo: «E’ un’agonia quando si sopravvive ad un figlio, non si vive più e si contano i minuti per la propria fine» sette giorni fa ha seppellito la figlia Giuseppina, 41 anni con un tumore al cervello. La loro “colpa” è solo quella di vivere in via Giacomo Matteotti ad Africo, cittadina sulla costa jonica reggina. 200 metri di strada con dislocate circa 30 abitazioni: negli ultimi nove anni in quella via si contano….
Africo-rc-Laviadei“condannatiamorte”

simona

Caraffa del Bianco (Rc) foto bambinello che lacrima

Gli esami del Ris: Il Bambinello di Caraffa non ha pianto sangue

‘Il Bambinello di Caraffa non ha pianto sangue’
Caraffa del Bianco (Rc) foto bambinello che lacrima

Caraffa del Bianco (Rc) foto bambinello che lacrima

Nessun miracolo a Caraffa del Bianco, piccolo centro dell’entroterra jonico reggino.La “lacrima” scesa sul volto della statuetta del Bambin Gesù in braccio alla Madonna posta all’ingresso del paese, non possiede gruppi sanguigni. Il Bambinello dunque non ha pianto sangue. A sostenerlo sono delle indiscrezion investigative che arrivano dal Ris di Messina dove sono state effettuate le analisi della sostanza prelevata dal volto del Bambinello.

Annalisa Costanzo
Leggi l’intero articolo abbonandoti on line
o sull’edizione cartacea di oggi
© RIPRODUZIONE RISERVATA

E intanto il gasolio va… a ruba

aaaaaaaaaIl gasolio va a ruba. Nel vero senso della parola. Ladri di benzina e gasolio: tra gli effetti dello sciopero degli autotrasportatori che blocca l’Italia, ormai da diversi giorni, c’e’ anche questo. Sono diverse, in tutta la nazione, le segnalazioni alle forze dell’ordine di furti di carburante dalle vetture e la Locride non resta indenne a questo nuovo evento.

L’ondata di furti, inoltre, sembra destinata ad aumentare, poiché tutti i distributori di benzina della locride sono adesso rimasti “all’asciutto”. E, allora, in meno di ventiquattro ore, nel comprensorio una caldaia a gasolio è stata manomessa e due, almeno quelli regolarmente denunciati presso le autorità, sono stati i colpi messi a segno dai “ladri di carburante”.
A essere presi di mira sono soprattutto i camion che durante la notte sono lasciati incustoditi. Le autovetture invece iniziano a segnare rosso. La notte tra martedì e mercoledì i ladri hanno agito indisturbati. Il furto è stato messo a segno ai danni di tre scuolabus di proprietà del comune di Gioiosa Jonica. Sulla dinamica sembrano esserci pochi dubbi. I ladri hanno agito di notte, approfittando dell’ora tarda e quindi del buio, nonchè dell’isolatezza della zona, a riparo da occhi indiscreti.
I malviventi hanno dunque svuotato i serbatoi dei tre mezzi della scolaresca portando via circa 100 litri di gasolio. Ieri mattina poi, quando gli autisti dello scuolabus sono andati a prendere i mezzi per iniziare la giornata di lavoro si sono subito accorti del furto.
I responsabili dei mezzi comunali hanno dato subito l’allarme ai carabinieri della locale stazione che, ora, stanno svolgendo le indagini di rito per riuscire ad arrivare ai colpevoli.
Da Gioiosa Jonica a Bovalino la storia è la stessa. Sempre nella notte tra martedì e mercoledì altri ladri di gasolio sono entrati in azione a Bovalino, in via Calabria. Sembra che ad agire, anche questa volta, siano state almeno due persone, che hanno aspirato il gasolio contenuto nel serbatoio di un autocarro.
La denuncia del proprietario dell’autocarro è arrivata direttamente sulla scrivania del maresciallo capo Candeloro Sturniolo, comandante della stazione dei carabinieri di Bovalino.
Ma non è tutto con i furti di gasolio. C’è dell’altro. Nella mattinata di ieri, infatti, i carabinieri di Bovalino sono intervenuti a Bosco Sant’Ippolito, frazione di Bovalino, dove ignoti durante la nottata avevano tentato di rubare il gasolio presente all’interno di una caldaia della scuola elementare della popolosa frazione. Il colpo, fortunatamente è andato male: i malviventi sono riusciti a danneggiare la caldaia alimentata a gasolio ma non sono riusciti comunque a rubare il contenuto all’interno della stessa.

Annalisa Costanzo